Idee vacanze 2020 Marina di Camerota

Idee vacanze 2020 Marina di Camerota

State cercando mete estive ed idee vacanze 2020 Marina di Camerota, dove il mare domina la scena, le spiagge sono mozzafiato e si possono fare tante altre attività?!? Ecco la soluzione: idee vacanze 2020 Marina di Camerota. Cittadina costiera del Cilento, si trova nella zona meridionale della Provincia di Salerno e rientra nell’area del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Grotte, insenature e calette di un blu intenso si alternano a spiagge sabbiose con acque limpide e chiare. Marina di Camerota, luogo ricco di tradizioni e sapori della buona terra. Il giusto equilibrio tra le bellezze incontaminate ed i moderni servizi adatti alle esigenze dei suoi ospiti. L’antico borgo con i suoi vasai, il porticciolo turistico, le passeggiate nel verde, la naturale bellezza fanno di essa un autentico tesoro da vivere in armonia.

Camerota Sorge su una collina . Come tutte le città della Magna Grecia, Camerota è legata ad una leggenda: quella di Palinuro e Kamaroton. Palinuro, il nocchiero di Enea, lei la più seducente fanciulla di bordo. Palinuro si invaghì della ragazza, la quale non corrispose il suo amore. Venere, adirata,trasformò Kamaroton in una desolata roccia. In greco antico Kamaroton significa “volta”, “fatto di volta” e sipotrebbe riferire sia alle camere a volta delle abitazioni della cittadella, sia alle grotte naturali esistenti nella zona.

Le spiagge più importanti e conosciute? Ve ne citiamo alcune: Cala Bianca (è considerata tra le più belle d’Italia, costituita da particolari ciottoli di forma circa tonda e di colore bianco, è nascosta in un’insenatura raggiungibile a piedi o via mare); spiaggia Calanca (con sabbia chiara e soffice, su un tratto di litorale lungo e ampio, ideale per famiglie con bambini); spiaggia di Lentiscelle (con sabbia fine mista a ghiaia, i fondali sono alti e quindi meno adatta ai bambini; Cala degli Infreschi (spiaggia in prossimità di Marina di camerota, si trova in un’insenatura molto particolare e risulta tra le più conosciute e ricercate, è costituita da sabbia chiara e il mare è a dir poco spettacolare, i fondali sono sabbiosi, il mare propone sfumature incredibili, si può raggiungere facilmente via mare o tramite percorsi da fare a piedi).

Marina di Camerota è caratterizzata da un clima caldo e temperato. In inverno la piovosità è media, l’estate è molto meno piovosa rispetto l’inverno. La temperatura media annuale è di circa 16,5°. Il clima estivo sembra durare di più rispetto al calendario, infatti circa tra maggio e ottobre il clima si configura pressoché estivo. In generale si può affermare che le estati sono calde, mentre in inverno la temperatura è mite … in altre parole, un clima mediterraneo.

Il territorio del Comune di Camerota è costituito da frazioni collinari e si trovano diversi sentieri e itinerari naturalistici. Cosa si incontra se ci si incammina?

La fauna di Camerota e più in generale del Cilento, è assai diversificata in virtù dell’ampia varietà di ambienti presenti sul territorio. Aree costiere e montane, fiumi impetuosi e ruscelli, rupi e foreste, determinano altrettante comunità faunistiche dove spesso emerge la presenza di specie di alto valore naturalistico. Colline, coste, fiumi, sorgenti, valli …

Cenno particolare va fatto per il cinghiale: mammifero artiodattilo della famiglia dei Suidi. Animale con straordinarie doti di resistenza e adattabilità. La loro notevole diffusione su tutto il territorio del Cilento e del Parco è diventata un problema. Infatti sono molti ormai le segnalazioni di danni alle colture, incidenti stradali, incontri ravvicinati in pieno centro abitato. Ma non si riscontra nessun attacco all’uomo, quindi tranquilli, se li incontrate, scappano!

Tra la flora spontanea si ritrova la lavanda, la Primula palinuri, piante officinali (origano, liquirizia, mirto), nonché orchidee selvatiche. Tra le specie animali si trovano quelle mediamente presenti in tutto il territorio del Parco Nazionale. In particolare è d’obbligo citare il falco pellegrino, gufo, civetta, faina, volpe, merlo, tasso, lepre, gazza, fagiano, e il cinghiale. Quest’ultimo, soprattutto negli ultimi anni, si è notevolmente diffuso ed sta creando notevoli disagi alla popolazione per i danni generati ai terreni e alle proprietà in coltura.

La flora e la vegetazione rappresenta uno degli aspetti più importanti del territorio, sia dal punto di vista della varietà che per quello della biodiversità. Il popolamento floristico del Cilento e del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è costituito da circa 1800 specie diverse di piante autoctone spontanee. Citiamo le specie più diffuse. Sui litorali troviamo la Primula di Palinuro, Giglio Marino, Statice salernitana, Garofano delle rupi, Centaurea, Campanula Napoletana. Nella fascia della macchia mediterranea: Ginestra del Cilento, Carrubo, Ginepro, Lecci, Pino d’Aleppo. A quote più alte:  Ulivi, Tigli, Olmi, Aceri, Castagni. Ancora più su: Faggi, Acero del Lobel. Citazione a parte meritano gli ulivi: diffusi in tutto il territorio cilentano e a tutte le quote.

Il Comune di Camerota è compreso dell’attuale perimetrazione del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. La copertura boschiva del territorio comunale è composta in gran parte da boschi di macchia mediterranea, notevoli sono i boschi di leccio. Si trovano poi piccoli boschi di castagno tra l’abitato di Camerota e la frazione Licusati. Nella zona del litorale che va dalla foce del fiume Mingardo fino alla località Cala d’Arconte vegeta una stupenda pineta spontanea di pino d’Aleppo. Sono presenti, inoltre, delle maestose piante di quercia, quercia da sughero, ontano napoletano ed altre essenze della macchia mediterranea (lentisco, corbezzolo, ginestra, erica, etc.).

Passiamo al mare! Oltre le spiagge che vi abbiamo già accennato qualche rigo fa, ci sono le grotte. Emerse e sommerse. Le Grotte Paleontologiche rappresentano una grande attrattiva turistica, ma anche per fini di studio. Le grotte sparse lungo tutto il litorale esistono principalmente per la natura carsica del suolo. Lungo la Cala del Cefalo troviamo la Grotta del Pesce, quella dellAutaro, quella Caprara. Ma dobbiamo citare anche la Grotta della Calanca, Grotta del Poggio, Grotta della Serratura, Grotta della cala, Riparo del Poggio; e ancora Grotta di Santa Maria e Grotta delle noglie. Queste rappresentano solo le principali grotte, alcune di esse raggiungibili solo via mare.

Per gli amanti degli aspetti storici e monumentali? Palazzo Marchesale, Chiesa di San Gennaro, Chiesa di San Nicola di Bari, Chiesa San Daniele Profeta, Convento dei Cappuccini, Chiesa di S. Alfonso, Villa Mariosa, Torri Costiere.

Tante strutture ricettive presenti sul territorio, tutte di medio-alto livello. Dalla casa vacanza al villaggio turistico. Idee vacanze 2020 a Marina di Camerota? Tranquilli, anche il divertimento serale è assicurato. Tra eventi, manifestazioni di vario tipo, intrattenimento musicale, localini, etc.  … vi siete convinti?!?

Per restare aggiornato sulle idee vacanze 2020 Marina di Camerota seguici sui nostri social: visita la nostra pagina Facebook Instagram, e guarda tutti i video sul nostro canale Youtube!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by