Il territorio di Futani

Ecco le peculiarità più importanti e significative del territorio di Futani.

La proprietà Comunale ha una superficie complessiva di circa 400 ettari. La produttività appare non molto soddisfacente a causa di una lunga ed eccessiva pressione antropica avutasi nei decenni precedenti. Tale azione è confermata anche da diversi tipi di coltura. E questa si è attenuata negli ultimi tempi lasciando parte del territorio all’abbandono, specialmente nelle zone di più difficile accesso.

Tuttavia in prossimità del centro abitato e nei pressi delle abitazioni periferiche, l’agricoltura è ancora molto attiva. Sebbene attuata con sistemi primitivi. In quanto viene considerata fonte di reddito integrativo dalle famiglie che si limitano a produrre quantità necessarie al proprio fabbisogno.

Il territorio di Futani. Per quel che riguarda il pascolo, anch’esso è stato attuato e continua ad essere esercitato in modo pressoché irrazionale. Cioè senza limiti di carico e di durata. La zona è stata oggetto di alcuni rimboschimenti. Ma senza un vero e proprio programma generale di intervento. Anche la raccolta dei prodotti secondari quali funghi, fragole, legna secca non è adeguatamente disciplinata.

Pertanto si può affermare che il Comune di Futani orograficamente presenta una pronunciata complessità. E questa situazione è dovuta al notevole sviluppo altimetrico. Ma anche alla variabilità delle esposizioni e delle inclinazioni su piccole superfici. Ciò crea una grande variabilità del microclima con conseguente attitudine del territorio a scopi diversi.

Per quanto detto il territorio del Comune di Futani risulta classificato montano. Inoltre fa parte della Comunità Montana del Lambro e del Mingardo. Quest’ultima ha sede proprio a Futani.

Il territorio di Futani confina a nord-est ed a Nord con il Comune di Novi Velia. Poi a nord-ovest ed ovest con il Comune di Cuccaro Vetere. Infine ad est ed a sud con il Comune di Montano Antilia. I confini non sono contestati e sono individuati da termini lapidei di diverse dimensioni. Sui quali sono incisi delle croci che ne indicano la direzione. Essi sono posti su dei crinali in modo da facilitarne la veduta tra un termine e l’altro.

Il territorio di Futani è contraddistinto dalle seguenti colture.
Incolto sterile 40.85.87
Pascolo 203.16.19
Bosco ceduo 271.17.20
Bosco alto fusto 84.15.76
TOTALE……………… 501.59.90

Di detta superficie ha 499.20.50 sono soggetti ad uso civico. La faggeta che popola le pendici della montagna è insediata su terreni ecologicamente idonei che non potrebbero ospitare una coltura diversa e più remunerativa di quella in atto per la loro accidentata struttura fisica. La rimanente superficie, invece, è stata sensibilmente modificata ed allontanata dalle colture che le sarebbero più congeniali, a causa dell’intervento umano.

La vegetazione arborea è caratterizzata da un’evidente stratificazione in due fasce separate. In corrispondenza del limite fitoclimatico inferiore del Fagetum. La fascia inferiore è interessata da un’alternanza di pascoli arborati intercalati da formazioni boschive talvolta di recente formazione. Delle quali la specie arborea che si afferma con maggior vigore è l’ontano napoletano.

Nella parte più bassa del territorio comunale di Futani è presente il bosco misto degradato. Rappresentato soprattutto dal ceduo di castagno ed altre specie minori. La parte di tale bosco classificata come bosco degradato potrebbe meglio definirsi, tranne che per pochissime e limitate superfici, come pascolo arborato. In cui la vegetazione arborea è rappresentata dall’ontano napoletano nella forma ad alto fusto ed allo stato cespuglioso. In ambo i casi, tuttavia, esso è abbastanza rado da permettere il dominio della felce aquilina. Che riesce a coprire totalmente il suolo ed a raggiungere altezze intorno ai due metri.

La parte superiore è invece, come già detto, interessata solo marginalmente dal pascolo. E sostanzialmente con pochissimi processi di degradazione è popolata dal faggio con intercalazioni da parte dell’ontano napoletano. Nel complesso la struttura dei boschi è generalmente molto irregolare in conseguenza sia della natura orografica difficile e della estrema carenza di vie di esbosco, che dei criteri adoperati in passato per il taglio.

L’immagine che nel complesso rappresenta meglio lo stato strutturale del bosco è quella di disetaneità. In genere vediamo accostate tante piccole aree abbastanza omogenee. E che si succedono in modo che all’interno di esse si instauri un rapporto di prevalente coetaneità. Mentre tra di esse prevale invece il rapporto di disetaneità.

Per i castagneti si può affermare che si tratta di una modesta superficie che è attualmente in gran parte occupata dai privati. Pertanto non è suscettibile di alcuna miglioria da parte del comune proprietario. Anche gli improduttivi ed i seminativi in parte occupati sono in misura irrilevante rispetto alla superficie totale.

Vediamo qualche altro aspetto in merito al territorio di Futani.

Il rapporto tra pascoli e boschi ha subito negli ultimi decenni una serie di variazioni di segno diverso. Ad una progressiva riduzione delle aree boscate, ha fatto seguito nei periodi più recenti un’inversione di tendenza. In particolare manifestatasi con il ricoprimento di numerose superfici, prima degradate o nude, da parte della vegetazione forestale.

Tuttavia va notato che la faggeta che popola le pendici della montagna è insediata su terreni ecologicamente idonei. Che non potrebbero ospitare una coltura diversa e più remunerativa di quella in atto per la loro accidentata struttura fisica. Invece la rimanente superficie è stata sensibilmente modificata dall’uomo ed allontanata dalle colture che le sarebbero più congeniali.

La vegetazione arborea è caratterizzata da un’evidente stratificazione in due fasce separate in corrispondenza del limite fitoclimatico inferiore del Fagetum. La fascia inferiore è interessata da un’alternanza di pascoli arborati intercalati da formazioni boschive talvolta di recente formazione. Delle quali la specie arborea che si afferma con maggior vigore è l’ontano napoletano. Nella parte più bassa del territorio comunale è presente il bosco misto degradato. E questo è rappresentato soprattutto dal ceduo di castagno, cerro, leccio, orniello. E anche da specie minori.

La parte di tale bosco classificata come bosco degradato potrebbe meglio definirsi, tranne che per pochissime e limitate superfici, come pascolo arborato. In cui la vegetazione arborea è rappresentata dall’ontano napoletano nella forma ad alto fusto ed allo stato cespuglioso. In ambo i casi tuttavia, esso è abbastanza rado da permettere il dominio della felce aquilina. Che riesce a coprire totalmente il suolo ed a raggiungere altezze intorno ai due metri. La parte superiore è invece interessata solo marginalmente dal pascolo. E sostanzialmente con pochissimi processi di degradazione è popolata dal faggio con intercalazioni da parte dell’ontano napoletano. Nel complesso la struttura dei boschi è generalmente molto irregolare. In conseguenza sia della natura orografica difficile e della estrema carenza di vie di esbosco. Ma anche a causa dei criteri adoperati in passato per il taglio.

Se sei interessato ad altre informazioni utili visita il nostro portale (www.cilentoshop.it). Troverai altri articoli riguardanti Futani. Oppure sulle altre località del Cilento. Per esempio potrebbe interessarti l’articolo riguardante boschi a prevalenza di castagno.

Per restare aggiornato seguici anche sui nostri social. Visita la nostra pagina Facebook Instagram. Per soddisfare la tua curiosità puoi guardare anche i video sul nostro canale Youtube!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *