Chiesa dei Santissimi Pietro e Paolo a Pisciotta

Chiesa dei Santissimi Pietro e Paolo a Pisciotta, la Chiesa Madre che si trova nel centro storico del borgo medievale.

Pisciotta è la regina del Cilento, arroccata sul cucuzzolo di un promontorio. Percorsa da stradine strette e caratteristiche. Un borgo che domina sull’azzurro mare che bagna le sue coste. Un’antica agricoltura caratterizzata da maestosi ulivi. Poi il porticciolo, le lunghe spiagge, il borgo marinaro, le passeggiate nei boschi, una gastronomia legata alle tradizioni del luogo vi accompagneranno alla scoperta di una delle più suggestive bellezze del Cilento.

Chiesa dei Santissimi Pietro e Paolo a Pisciotta. Vediamo qualche dettaglio.

E’ la Chiesa madre di Pisciotta. Dedicata ai SS. Apostoli Pietro e Paolo. Essa sorge su un sito che, in tempi remoti, apparteneva alla nobile Famiglia Langellotti.

La prima notizia della Chiesa è del 1300. Infatti, in uno scritto riportato nella Enciclopedia UTET alla voce “Pisciotta”, si legge di una “Ecclesia Sancti Petri de Castro Pisceti”. Chiesa antichissima, quindi, ed edificata sui resti di altre due chiese preesistennti.

Infatti le tracce del primo edificio sacro sono visibili nel vicolo Praiano. Dove si può ammirare la facciata della antica chiesa, originariamente di stile romanico.

La Chiesa di Pisciotta, per come è dato desumere dalle visite pastorali minuziosamente descritte da Pietro Ebner nel suo libro “Chiesa, Baroni e Popoli del Cilento”, era ampia e spaziosa. E con diversi altari laterali di juspatronato appartenuti alle famiglie gentilizie più importanti del paese.

Tra il 1716 e il 1731 la Chiesa viene ampliata in lunghezza. Tant’è che la cappella dell’Addolorata o delle Anime del Purgatorio, precedentemente staccata, ne diviene parte integrante. Ulteriore ampliamento la Chiesa subisce negli anni che vanno dal 1731 al 1746. Vengono, infatti, aggiunti due ambulacri laterali. Ed è costruita la copertura a botte, con il rifacimento del presbiterio e del coro.

Alla Chiesa, di pregevole fattura, si accede attraverso una porta sufficientemente larga che immette nella navata centrale, coperta a botte. La luce penetra da ampi finestroni che si aprono al di sopra del cornicione interno e si inseriscono nella botte con delle lunette. Alla navata centrale si affiancano due ambulacri laterali, all’interno dei quali sono ubicate le cappelle di juspatronato. La navata è collegata con gli ambulacri per mezzo di archi che si elevano su grandi pilastri rettangolari.

Per rendere più armonico il contesto, ornamenti in gesso, quali cornici e festoni, insistono sui pilastri. Sui quali, peraltro, sono state costruite anche due doppie lesene. L’abside, a forma semicircolare, chiude la navata centrale e delimita un ampio presbiterio. La copertura dell’abside, a quarti di sfera, poi forma il catino. Infine l’innesto della navata centrale con l’abside forma, a sua volta, un grande arco trionfale.

Chiesa dei Santissimi Pietro e Paolo a Pisciotta. Vediamo qualche altro dettaglio.

Negli ambulacri laterali, come detto, insistono le varie Cappelle di cui erano titolari le famiglie più nobili ed in vista del paese. Alla destra della porta centrale di ingresso insiste la Cappella del Monte dei Morti. Che, fino all’editto di Napoleone, era il Cimitero superiore del paese. La cappella è coperta con lamia a botte in pietrisco, a sesto molto ribassato. In stile barocco, la cappella è raccordata con la navata centrale in quanto posta non in posizione perpendicolare bensì obliqua con l’asse della navata stessa.

Nella cappella si può ammirare un altare in marmo policromo nel quale sono rappresentate le anime che espiano le loro colpe. Sopra il tabernacolo, che rappresenta un bassorilievo dell’Ultima Cena, è posta la bellissima statua lignea della “Madonna dei Sette Dolori” del secolo XVIII. In particolare nelle nicchie laterali possiamo rinvenire le statue di S. Biagio, in legno policromo del XVI secolo, e di S. Antonio da Padova, in legno, del secolo XIX.

Se sei interessato ad altre informazioni utili visita il nostro portale (www.cilentoshop.it). Troverai altri articoli riguardanti Pisciotta. Oppure sulle altre . Per esempio potrebbe interessarti l’articolo Pisciotta – cosa vedere nel centro storico.

Per restare aggiornato seguici anche sui nostri social: visita la nostra pagina Facebook Instagram. Guarda tutti i video sul nostro canale Youtube!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *