Cilento

Il Cilento è un’area geografica situata in Provincia di Salerno – Campania. Nella zona meridionale della regione, limitata a nord dalla catena dei Monti Alburni e a est dal Vallo di Diano.

Il nome Cilento deriva da cis Alentum (al di qua dell’Alento), anche se il nome non ne segna più il confine.

Il territorio del Cilento è dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, gran parte del suo territorio rientra nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Il profilo orografico è marcato, aspro, povero di estensioni pianeggianti per lo più in corrispondenza dei fiumi principali (l’Alento, il Tanagro). Le cime montuose più importanti sono: Cervati, Alburni, Gelbison, Motola, Monte Centaurino, Cocuzzo, Bulgheria, Monte Stella. La costa, dal Sele ad Agropoli, e sul litorale tra Casal Velino ed Ascea, è principalmente bassa e sabbiosa. La restante costa è alta e rocciosa, caratterizzata da particolari grotte e insenature (soprattutto il tratto tra Palinuro e Camerota).

Considerando l’aspetto degli usi, delle tradizioni, dei costumi, delle usanze, etc., nei paesi Cilentani le radici genetiche si pongono nella cultura contadina. Addirittura importata da quei coloni greci che per primi raggiunsero queste zone quasi 3000 anni fa.

L’area geografica del Cilento è costituita da n°99 Comuni, che vengono tradizionalmente raggruppati in 5 differenti aree.

  • Alto Cilento. Territorio attraversato dal fiume Alento, delimitato tra il Monte Stella e Punta Licosa.
  • Cilento Centrale. Territorio circoscritto dal Monte Gelbison e la fascia costiera delimitata dalla penisola di Punta Licosa e la penisola di Capo Palinuro.
  • Basso Cilento. Area delimitata dai bacini idrografici dei fiumi Bussento, Lambro e Mingardo. Comprendente nella parte nord il massiccio del Monte Bulgheria. Includendo la costa da Capo Palinuro fino alla parte più settentrionale del golfo di Policastro.
  • Valle del calore e Alburni. E’ la zona che si snoda lungo il percorso del fiume Calore Lucano che nasce sul Monte Cervati. Scorre ai lati dei monti Alburni e si congiunge a nord col fiume Sele.
  • Vallo di Diano. Vasto altopiano attraversato dal fiume Tanagro e delimitato tra il massiccio del Monte Cervati a ovest e l’Appennino lucano a est.

Dalle righe sopra si conclude, quindi, che il Cilento è un territorio variegato. E costituito da location di vario genere. Spesso lo stesso Comune presenta diverse conformazioni e tipicità. Zone costiere, collinari e montane. Coste basse e sabbiose, coste alte e rocciose. Zone impervie, fitta macchia mediterranea, boschi, gole di fiumi. Limitate aree pianeggianti, grotte e insenature. E ancora … borghi antichi, centri storici, palazzi antichi, siti e/o aree archeologiche, percorsi e sentieri. Ma anche chiese, conventi, santuari, sorgenti, cascate, grotte, oasi, musei … e tanto altro da vedere.

In questo articolo abbiamo dato solo un’infarinatura generale sul Cilento. Area territoriale molto caratteristica e variegata. Il turismo è consolidato da decenni, soprattutto lungo la fascia costiera. Ma sta rapidamente evolvendosi anche nelle aree più interne. Si riscoprono borghi eccezionali, con tante tradizioni da scoprire e storie da raccontare.

Il nostro portale (www.cilentoshop.it) è suddiviso in sezione e categorie. Cerca le location che più ti incuriosiscono. Oppure cose da fare e da vedere. Ma puoi cercare e scegliere la struttura che più si addice alle tue esigenze (dove mangiare e dove dormire). Abbiamo predisposto anche uno shop, dove puoi acquistare i prodotti tipici cilentani.

Per restare aggiornato seguici anche sui nostri social: visita la nostra pagina Facebook Instagram. Guarda tutti i video sul nostro canale Youtube!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *