Ecco qualche idea su cosa fare in vacanza a Pioppi.

Pioppi è una frazione del comune di Pollica sita in provincia di Salerno e fa parte del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E’ ubicata sulla costa tirrenica a pochi km da Agropoli ed è quindi un borgo di pescatori.

Meta ideale per chi intende passare vacanze tranquille e all’insegna del divertimento senza eccessi, dispone di spiagge strepitose, ineguagliabili a livello nazionale.

Da diversi anni, insieme ad Acciaroli, altro ridente comune marinaro sito a pochi km di distanza, Pioppi riceve la Bandiera Blu e le 5 Vele di Legambiente, a dimostrazione della purezza delle acque e della bellezza incontaminata delle spiagge.

In particolare, la spiaggia di Pioppi, presente caratteristiche molto variegate e dispone di un lungomare vasto sul quale è possibile portare a termine lunghissime e indimenticabili passeggiate durante le quali è possibile perdersi specchiandosi nel mare cristallino o osservando il famoso Palazzo Vinciprova, sito nelle vicinanze.

Ma vediamo cosa fare in vacanza a Pioppi.

Il borgo cilentano dispone di un museo tra i più famosi del Cilento, ovvero il Musea, sito proprio presso il palazzo Vinciprova. Non è solo spiaggia e monumenti importanti, ma anche, e soprattutto, sentieri di trekking. Dalla spiaggia infatti, parte il famoso Sentiero del Pozzo dell’Uva Nera che è lungo circa due km e presenta paesaggi mediterranei tipici splendidi e una cascata davanti alla quale è facile incantarsi per la bellezza.

Interessante il percorso che permette di ammirare il «Flysch del Cilento», che ha la sua massima diffusione in corrispondenza del bacino idrogeografico del Fiume Alento e dei principali monti del Cilento occidentale, quali il Monte Centaurino (1433 m), e quella delle «rocce calcaree» che costituiscono i complessi montuosi interni (Alburno-Cervati) e meridionali (Monte Bulgheria, Monte Cocuzzo) del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

Sulla costa alta, il Flysch si caratterizza per la fitta stratificazione delle rocce che talora assumono forme e colori particolari come è possibile riscontrare in località Ripe rosse o nel terrazzo marino di Punta Licosa.

Percorso breve e turistico con dislivello minino, fatto di un andata e ritorno per lo stesso sentiero sufficientemente segnalato ,con partenza dalla località Porto del Fico di Pioppi fraz di Pollica consigliato da farsi con pantaloni lunghi per non graffiarsi

Il pozzo che in realtà è una cascata viene chiamato cosi per le felci le quali somigliano a grappoli d’uva e qualora secchi all uva nera

Il sentiero inizia a livello del mare da località Porto del Fico di Pioppi dove si imbocca un sentiero per il primo km fortemente antropizzato e su strada asfaltata. Ci si inerpica quindi per la collina su cui è adagiato il borgo di Celso. Quattro km circa di salita continua su sentieri di fitta macchia mediterranea, parte del sentiero è ombreggiato, discreto riparo dal sole dovuto a lecci, olivi e carrubi. Fondo pietroso e abbastanza ripido, fortemente consigliato l’uso di bastoncini e obbligo di scarpe adatte al trekking. 

Con l’arrivo a Celso si conclude la parte più impegnativa del percorso per il dislivello ormai raggiunto. 

Nel piccolissimo borgo ci sono 2 punti d’acqua. 

Breve ristoro ad una fonte/abbeveratoio e breve prima sosta alla Chiesa dell’Assunta passando per il palazzo baronale Mazziotti.

Si riattraversa il paese in direzione contraria per imboccare il sentiero, molto panoramico e con vista a sud est sulla valle dell’Alento e le colline intorno, monte della Stella a nord e in lontananza a est il Gelbison mentre sul mare si disegna il profilo del promontorio di Capo Palinuro. 

Pollica si trova a 280 m s.l.m. dunque il sentiero s’inforca leggermente in discesa tra uliveti e arbusti di corbezzolo e mirto finché non spunta in basso il borgo, annunciato dal convento di San Francesco, altra possibile area per una sosta, se non altro fotografica, considerata la bella vista. 

Cos’altro fare in vacanza a Pioppi?

Vediamo qualche spunto anche a Pollica. I vicoli qui ci conducono alla piazzetta principale dove è anche possibile prendere un caffè al bar.

Si esce dal paese su strada asfaltata (pressoché deserta) e si raggiunge in 40 minuti Cannicchio. Steso sul crinale della collina digradante verso Acciaroli, è un grazioso borgo magnificamente tenuto con case in sasso e viuzze lastricate e fiorite. La chiesina del paese resta sempre aperta e si trova sul passaggio dei camminatori. 

Con una discesa piuttosto ripida e pietrosa si raggiunge infine l ‘ultimo dei nostri borghi, famoso: Acciaroli.

Dopo aver letto questo articolo avrete sicuramente le idee più chiare su cosa fare in vacanza a Pioppi.

Per restare aggiornato seguici sui nostri social: visita la nostra pagina Facebook Instagram, e guarda tutti i video sul nostro canale Youtube!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *