I prodotti dell’agricoltura nel Cilento

I prodotti dell’agricoltura nel Cilento, o meglio per chi visita il Cilento, territorio del basso salernitano compreso nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, si trova subito immerso in un ambiente per lo più quasi intatto. I suoi abitanti, con tenacia ed enormi sacrifici, hanno modellato i fianchi delle sue colline ammantandole, tra l’altro, di uliveti secolari, punteggiandoli di piccoli paesi dai loro svelti campanili, che si guardano l’un l’altro dai poggi ove sono abbarbicati. Nel Cilento si è sviluppato il fenomeno dell’agriturismo, che presenta ancora enormi potenzialità, è in fase di continua crescita con la presenza di aziende agricole che offrono la possibilità di “vivere” una vacanza diversa che porta l’ospite ad integrarsi nella cultura, negli usi, nelle tradizioni e nella gastronomia locale.

I prodotti dell’agricoltura del Cilento sono derivanti dal tipo di territorio, in massima parte collinare, che presenta un panorama molto ricco e vario.

Una posizione di rilievo è assunta dal castagno da frutto, con gli ecotipi locali “Nserta” e “Abate”. Inoltre è stata inserita, di recente, anche il “marrone di Roccadaspide”, ecotipo coltivato fin dal dopo guerra nei comuni cilentani (Cuccaro, Montano Antilia, Futani, etc.).

Altro prodotto dell’agricoltura del Cilento è il pregiato “Fico bianco del Cilento”. La fichicoltura in questa zona riveste un ruolo importante dal punto di vista socio-economico, perché dà vita ad una locale attività di trasformazione del prodotto.

Tra i prodotti dell’agricoltura del Cilento c’è anche il vino, in particolare il vino D.O.C. Aglianico del Cilento, ottenuto dai vitigni derivanti dagli antichi colonizzatori greci, di ottima qualità e che bene si abbina alla cucina tipica cilentana.

Sulle colline, ma anche sulla fascia costiera, si coltivano olivi, in massima parte della cultivar Pisciottana, dai quali si ottiene un ottimo olio, il Cilento, riconosciuto D.O.P. di tipo extravergine.

Su tutto il territorio è ancora praticato l’allevamento di bestiame, sia bovino che ovino e caprino.

Tra i prodotti dell’agricoltura del Cilento si devono ricordare anche il pecorino di San Giovanni a Piro; la ricotta secca di capra; la mozzarella nella mortella; gli insaccati tra cui la soppressata; liquori, sciroppi e marmellate; gli ortaggi; i legumi (fagioli e ceci).

Di seguito si riporta, infine, un breve elenco di specialità gastronomiche legate inevitabilmente ai prodotti dell’agricoltura del Cilento e agli allevamenti.

Piatti tipici della dieta mediterranea: pasta fatta in casa (cavatelli, fusilli, ravioli), ragù di carne caprina, polpette di carne e di patate, coniglio preparato secondo gli usi cilentani, agnello, capretto, carne bovina in genere ai ferri, melanzane e peperoni ripieni, ciambotta (misto di peperoni, melanzane e patate, fritto e condito con pomodoro fresco e basilico), friarielli (peperoni verdi fritti), pastorelle (crema di castagne in pastafoglia fritte), castagnaccio, anginetti (biscotti ricoperti di glassa di limone), susamieddi (biscotti duri al miele).

Condividi sui tuoi social network!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Supporto Online
 
Chat
 
Supporto Online
+